Pasticceria Artigianale di Melania e Rosanna Dolci & Delizie

by admin on 19/03/2010

 melania_w500
Slideshow Mapreference Facebook
Le tradizoni di fare i dolci in Sardegna, e in particolare nella frazione di Palmadula si tramanda da una generazione all’altra da centinaia di anni. In questi ultimi decenni però, sembrava venire meno. Fortunatamente, Melania e Rosanna hanno deciso di fondare una piccola pasticceria dove si fanno con le loro giovani ma sapientissime mani dolci tipici sardi come:
  • papassinos (pasta di mandorle, nocci, uvetta)
  • seadas (ripieno di formaggio filante e limone contenute tra due sfoglie)
  • formagelle (ricotta con scorza di arancia e un veta posata su una sfoglia di pasta di semola di grano duro dei bordi alti e undulati)
  • quazza di Jerda (un particolare pane invernale dolcificato contenente nell’impasto ciccioli di maiale, anice stellata, vanillina)
  • tiricche (formate da ripieno rapa, buccia di arancia gratugiata, mandorle e miele)

Forse la determinazione di Melania e Rosanna di fare della centenaria tradizione dolciaria la loro professione, rafforzando così le usanze locali è scritta nel loro DNA. A confermare il fatto che le donne di Palmadula siano molto determinate e piene di iniziativa è la storia della nascita di questa comunità: piccolo agglomerato di contadini e pastori che qualche secolo fa ha fondato Palmadula. Infatti, la storia narra che sia stata una donna, Peppa di Nurra, a dare vita al primo insediamento umano arrivando fin qui a cavallo, proveniente dai monti nuorese insieme a un piccolo gruppo di abitanti di quei territori arrivati su queste dune, ricoperte dalla macchia mediterranea e da numerosissime palme nane (da qui il nome di Palmadula), alla ricerca di terreni liberi dove lavorare e vivere. Passando per Palmadula oggi si possono mangiare ancora questi dolci tipici sardi che sono la delizia del palato alla pasticceria artiginale di Melania e Rosanna, “Dolci e Delizie”.

Località: Palmadula (SS)

Visite alle aziende e redazione degli articoli realizzati in collaborazione con la scuola Terramare.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Comment

Previous post:

Next post: