Azienda agricola Tenuta di Marsiliana

by admin on 28/09/2018

Slideshow Mapreference Website Facebook

La Tenuta di Marsiliana si estende al di sotto del colle sul quale si erge l’omonimo Castello che domina l’intera vallata racchiusa tra il rilievo su cui da secoli vigila lo storico edificio appartenente attualmente alla famiglia Corsini, il Parco Naturale della Maremma e le colline di Sant’Angelo. Si può dire che, da sempre, questa collina ha svolto una funzione di postazione di controllo del territorio sottostante e soprattutto del fiume Albegna che doveva rappresentare, in questo punto, un guado obbligato per chi transitava da una sponda all’altra del corso d’acqua. Poiché nei terreni intorno sono state trovate diverse tombe, sembrerebbe proprio questo il luogo dove gli Etruschi avrebbero fondato Caletra, una importantissima città –emporio dove si realizzava lo scambio delle merci provenienti da tutti i porti etruschi lungo la costa e che i romani, all’atto della conquista chiamarono Agro Caletrano, in onore forse al nome della città conquistata. Poi durante i primi secoli del Medioevo, sorgeva un monastero che rappresentava una delle tappe obbligate per i pellegrini che volendo raggiungere Roma, avessero voluto rifocillarsi e riposare prima di proseguire il loro cammino verso la “Città Eterna”.

La Fattoria di Marsiliana, situata ancora oggi sulla sommità della collina che sovrasta il borgo, sorse come castello nel corso del XII secolo. Fu sotto la dominazione, prima dei conti Aldobrandeschi, poi della città di Siena e, a partire dal 1557, dopo la disfatta ed il ritiro dei Senesi, in virtù del trattato stipulato tra Filippo II re di Spagna e Cosimo I dei Medici, il castello entra nell’orbita politica del Ducato di Toscana, e infine, Durante la dominazione spagnola, dal 1559 al 1713 il castello rappresentava un fondamentale punto di avvistamento e di difesa dell’accesso al territorio dello Stato dei Reali Presidi Spagnoli, il cui Governatorato trovava sede a Orbetello .

La storia dei luoghi parla, tra gli altri eventi che interessano il castello, della celebrazione, nel 1550 di un matrimonio tra rampolli, discendenti, da una parte, del re spagnolo Filippo II e dall’altro, della famiglia dei Medici che governava, in quei secoli, il Granducato in Toscana.

Per i successivi 200 anni non si ha nessuna precisa notizia di avvenimenti verificatisi in questi luoghi, i quali passano ai principi Corsini di Firenze nel XVIII secolo. Questi la trasformeranno in fattoria fortificata a partire dal XIX secolo.

E’ del 1868, invece, il documento contenente l’accordo sottoscritto tra la banca Monte dei Paschi di Siena e la famiglia Corsini che gestiva la tenuta, ormai da 3 generazioni. In base a tale accordo la proprietà di tutte le terre pertinenti al castello passava interamente alla famiglia Corsini.

Il latifondo dei Principi Corsini, durante gli anni 50 viene ridotto considerevolmente attraverso l’espropriazione di grandi estensioni coltivabili da parte dello Stato che doveva avviare il piano di Riforma Agraria che prevedeva, appunto, l’esproprio, il riassetto agrario da realizzare per mezzo di divisione delle terre in lotti di 8/20 ettari; la costruzione delle case e l’assegnazione conseguente ai contadini che già lavoravano queste terre in qualità di mezzadri e di braccianti giornalieri.

Con la riforma agraria tutte le terre prima invase dalla palude o abbandonate dai proprietari che non erano più in grado di gestire un latifondo, venivano dotate delle infrastrutture necessarie per realizzare la bonifica come, canali di drenaggio, pompe e sistemi di irrigazione, mentre i dislivelli delle terre venivano eliminati per “colmata”.

Così tutta la Maremma vede realizzarsi un nuovo assetto fondiario, con la conseguente assegnazione dei lotti con le case coloniche ai contadini che fino ad allora, per secoli, avevano sempre coltivato quelle terre senza mai poter riscattare la proprietà dei fondi da essi stessi coltivati. Con la riforma Agraria, ogni contadino diventa proprietario del lotto assegnatoli e della casa nella quale può vivere con la propria famiglia.

Adesso l’azienda alleva i cinghiali per consentire l’esercizio della caccia agli appassionati e coltiva la vite, mentre la maggior parte delle strutture abitative sono state trasformate in case e appartamenti da affittare ai turisti.

L’estensione dei terreni destinati alle piantagioni dei vitigni è di 26 ettari.

Le vigne sono state piantate tra il 1988 ed il 2006 e sono tutte attualmente produttive. Sono presenti i vitigni Petit Verdot, Cabernet e Sauvignon. I migliori acini vengono raccolti manualmente, mentre gli altri vengono raccolti con le macchine.

Con il responsabile della produzione, che ci ha gentilmente guidati attraverso le varie colture, abbiamo potuto osservare i vari tipi di vitigni e abbiamo potuto comprendere alcuni aspetti della viticoltura. Attraverso la sua straordinariamente chiara e competente spiegazione abbiamo potuto conoscere degli aspetti della viticoltura che prima ignoravamo. Per esempio quello sull’importanza dell’orientamento est-ovest, anziché nord-sud, delle vigne, al fine di prolungare l’esposizione delle piante alle ore di luce e al calore solare.

Rispetto alla maggior parte delle vigne qui si segue un metodo di coltivazione cosiddetto “maniera francese” consistente nel impedire che i tralci si sviluppino partendo dal suolo, ma lasciando che i primi tralci distino almeno 50 cm dal terreno. Questo sistema è molto adatto alle caratteristiche climatiche delle coltivazioni francesi, dove c’è un tasso di piovosità molto alto che non permette al terreno di rilasciare l’umidità, pertanto, si rende necessario dare un maggiore sviluppo ascensionale ai tralci per allontanare i grappoli e le foglie dal suolo, riducendo così il rischio che la pianta sia attaccata dai vari tipi di funghi; inoltre in Francia spirano forti venti provenienti dall’oceano che sottopongono ad una ventilazione veloce le piante che si trovano ad una certa altezza. La ventilazione non potrebbe includere quella parte dei tralci che si trovassero ad un livello troppo vicino al suolo. Nel nostro caso, siccome la Maremma ha un basso indice di piovosità, il terreno è più asciutto, quindi, sarebbe più opportuno lasciare una minore distanza tra il terreno e i tralci. Comunque, non ci sarebbe bisogno di una ulteriore ventilazione e quindi forse si potrebbe anche seguire uno stile diverso da quello francese, mantenendo i tralci e i grappoli ad un livello più vicino al suolo. Questo consentirebbe una più facile raccolta dei grappoli.

Ci ha anche in modo particolareggiato, esposto le regole per effettuare una potatura equilibrata ed efficace. Effettuare una corretta ed adeguata potatura della vite ha molteplici scopi. Ovviamente il primissimo obiettivo di ogni potatura e quindi in questo caso anche per quella della vite è quello di migliorare la produzione, tenendo presente i due aspetti fondamentali, quelli della qualità e qualità del prodotto. Effettuare la potatura della vite in modo corretto, dona alla pianta stessa una forma ben precisa, in grado di supportare meglio il carico della produzione e di riuscire a resistere ad eventuali problematiche.

Si svolgono due tipi di potatura in quest’azienda: secca e verde.

La prima si effettua durante l’inverno e la seconda in primavera o nell’inizio dell’estate.

Inoltre, si effettua un’altra operazione di adattamento della foggia funzionale al massimo benessere della pianta: “la sfogliatura!

La sfogliatura della vite è una pratica culturale diffusa da molto tempo, soprattutto nelle aree viticole più settentrionali. Essa consiste nell’eliminazione di foglie e/o femminelle dalla zona fruttifera e ha due obiettivi principali; il primo è quello di coadiuvare l’azione dei trattamenti anticrittogamici nel mantenimento della salute delle uve, il secondo è quello di aumentare l’esposizione dei grappoli alla luce per consentire un maggior accumulo dei composti dell’acino la cui sintesi sia stimolata. Poiché l’intervento è localizzato sulla fascia fruttifera una conseguenza estremamente importante della sfogliatura, a cui non sempre viene data la considerazione che merita, è la modificazione del micro-clima di questa zona della pianta.

Siccome nella parte boscata delle colline al di sopra dei vigneti vive una cospicua fauna selvatica come caprioli e cinghiali, tutti la zona è recintata.

Dopo aver visitato le piantagioni siamo stati introdotti alla cantina che attualmente si trova in un ampio edificio del 1900 che era stato costruito dalla famiglia Corsini per lo stoccaggio del grano.

Negli anni della riforma agraria questo edificio ha svolto la stessa funzione, ma la famiglia essendo legata storicamente e affettivamente a questi ambienti che hanno una estensione di 1.760 mq, ha deciso di prenderne in affitto una parte della superficie di 250 mq per destinarli alla propria cantina.

Come sempre accade, anche in questa cantina il vino viene portato a maturazione all’interno delle botti, ma il mosto e le vinacce degli acini provenienti da un vigneto sono tenuti rigorosamente separati dagli altri acini, avendo cura di mescolarli mai insieme..

Quando si aggiungono i lieviti al mosto, incomincia il processo di fermentazione con la trasformazione degli zuccheri in alcool.

La fermentazione produce l’anidride carbonica che sale verso la superficie, sollevando allo stesso tempo le vinacce che vanno a formare il cosiddetto cappello alla superficie del liquido. Inoltre, siccome produce un aumento della temperatura ed i lieviti non possono sopravvivere se questa supera 33-34°C, si interviene al momento opportuno attraverso il raffreddamento delle botti. Quest’attività viene fatta con l’acqua fredda che circola nei tubi disposti intorno ad un contenitore interno alle stesse botti e quindi, induttivamente, si effettua questo processo di raffreddamento avendo cura di mantenere la temperatura intorno ai 25°C che è l’ideale per i lieviti.

Qualche giorno dopo si effettua il rimontaggio attraverso il quale il mosto viene aspirato attraverso una pompa che dal basso aspira il vino verso la sommità della botte, viene filtrato dalle vinacce e poi rientrando in circolo all’interno della botte si crea l’ossigeno che favorisce il processo di fermentazione. Contemporaneamente il permanere delle vinacce all’interno della botte consente il rilascio delle sostanze in esse contenute nel mosto, il quale acquista così la colorazione ed assume tutte le caratteristiche che lo faranno diventare quel particolare tipo di vino.

Quando il processo di fermentazione si ferma perché tutti gli zuccheri sono stati trasformati in alcool, si fa la svinatura cioè, si separa il vino che si chiama “vino nuovo”, dalle vinacce, le quali, vengono sottoposte a torchiatura e il risultante vino che viene chiamto “vino di pressa” può essere mescolato con il vino nuovo per creare un blend.

Comunque, ogni enologo decide l’uso del vino di pressa caso per caso.

Quest’azienda ha una ampia selezione di vini come è mostrato qua.

Si tratta nella maggioranza dei casi di vini DOC e IGT.

All’interno del castello sono custoditi attrezzi da lavoro, documenti, finimenti di cavalli e varie attrezzature che raccontano tutta la storia del lavoro e della vita svoltasi in questi luoghi in questi ultimi secoli: un interessantissimo museo etnografico!

Print Friendly, PDF & Email

Azienda agricola Frank & Serafìco

by admin on 27/09/2018

Slideshow Mapreference Website Facebook

Dopo aver attraversato la frazione di Alberese, continuando verso “Marina” per qualche chilometro, ecco che intravediamo i grandi edifici dove ha sede la Birreria Franck & Serafìco che raggiungiamo proseguendo per un ultimo tratto di strada bianca.

Frank” è il nome di un vino rosso IGP Toscana, mentre “Serafìco” è quello di un vino bianco IGP della Maremma Toscana. L’origine di questo nome è derivato da “serafìca”, un fastidioso insetto che non di rado si incontra nelle zone costiere della Maremma.

All’entrata incontrimao Pier Paolo Pratesi, il giovane enologo e imprenditore che ha cominciato a produrre le prime birre quasi per gioco…era un suo hobby!

Nel 2009, insieme al suo amico Fabrizio Testa, un altro enologo, fonda quest’azienda. Il suo era e rimane quello di produrre i propri vini e le proprie birre con ingredienti coltivati nella sua azienda agricola.

Hanno cominciato a coltivare i vigneti in modo biologico impiantando le seguenti uve: a bacca bianca, Vermentino, Sauvignon Blanc, Fiano e Petit Mansen; a bacca rossa, Sangiovese, Ciliegiolo, Merlot, Cabernet Franc, Alicante e Carmenere.

La selezione di vini bianchi e rossi si trova qua .

La coltivazione dei vigneti e la vinificazione vengono fatte usando i metodi tradizionali, ma anche moderni. Qui si punta su una produzione sostenibile e, più sulla qualità che sulla quantità.

Riguardo alle birre, tutte hanno un nome che comincia con Enki che era un dio nella mitologia sumerica.

Secondo il sito web di questa azienda , Enki amava la birra; era un grande organizzatore di feste e banchetti e quando alzava troppo il gomito regalava poteri e talismani ai suoi commensali, dimenticandosene subito dopo e creando così un mare di guai.

Riguardo alle materie prime che devono provenire esclusivamente da questa azienda si coltiva principalmente l’orzo da cui si ricava il malto e il luppolo, che viene raccolto a settembre. Le sue foglie vengono disidratate per essere poi trasformate in palline e utilizzate per trasmettere l’aroma e il necessario gusto amaro alla birra..

L’altro elemento da utilizzare per la produzione della bevanda è il lievito che viene acquistato dalla ditta e infine si usa l’acqua di fonte. Tutti questi ingredienti, l’acqua, il lievito, il malto e il luppolo sono usati per produrre la birra di stile inglese come “brown ale”, “blonde ale” e “india pale ale”.

Per la selezione delle birre cliccare qua.

Il vino e la birra prodotti nell’azienda vengono esportati in Germania, in Svizzera e negli Stati Uniti.

All’interno dell’azienda c’è il servizio di ristorazione che dà la possibilità ai clienti, che possono essere sistemati sia all’interno che negli ambienti esterni, di assistere alla produzione dei vini e delle birre.

Non solo si producono le bevande con i prodotti coltivati sul luogo, ma qui si fa il pane e la pasta fresca con le farine provenienti dalla stessa azienda e le marmellate e le verdure provengono dall’attività ortofrutticola propria.

Gli spazi esterni dell’ambiente di ristorazione, ampi e inondati dalla luce proveniente dalla pianura che, da un lato sconfina nelle dune costiere del Parco Naturale della Maremma e dall’altro si inerpica per le ondulate colline interne, sono delimitati dai muretti ricoperti di piante rampicanti: tutto contribuisce a creare il giusto contorno e l’atmosfera ideale per gustare i prelibati piatti preparati con i prodotti biologici appena colti, accompagnati dai vini e le birre di ottima qualità.

Print Friendly, PDF & Email

Azienda AgroBiologica e Caseificio Le Tofane

26 September 2018
Thumbnail image for Azienda AgroBiologica e Caseificio Le Tofane

Un’azienda con un gregge di pecore da cui si ottiene il latte che viene trasformato nel formaggio.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola Pulledraia del Podere Montegrappa

26 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola Pulledraia del Podere Montegrappa

Un agriturismo con animali e la coltivazione biologica.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola “Borgo Ciro”

24 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola “Borgo Ciro”

Una piccola azienda che produce vini rossi ad ottima qualità.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

“Il Cerchio” azienda agricola biologica Capalbio

21 September 2018
Thumbnail image for “Il Cerchio” azienda agricola biologica Capalbio

Una piccola azienda che produce i vini rossi e l’olio d’oliva.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola e zootecnica Farina

20 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola e zootecnica Farina

Un’azienda che alleva le pecore e fa il pecorino.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola Monte Alzato

20 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola Monte Alzato

Un’azienda agricola che coltiva il grano duro per fare la pasta.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda Biologica Agro-zootecnica “Rustici”

19 September 2018
Thumbnail image for Azienda Biologica Agro-zootecnica “Rustici”

Un’azienda agricola con un caseificio proprio.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda bio-agricola La Selva

18 September 2018
Thumbnail image for Azienda bio-agricola La Selva

Un’azienda agricola che offre tanti tipi di prodotti.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Antica fattoria La Parrina

17 September 2018
Thumbnail image for Antica fattoria La Parrina

Un’azienda che produce i vini, i formaggi, le verdure, ecc.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola – Agriturismo Monte Argentario

17 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola – Agriturismo Monte Argentario

Un’azienda agricola che produce tutti e due vini bianchi e rossi.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Haymaking at Flåret in Lier

21 August 2018
Thumbnail image for Haymaking at Flåret in Lier

Haymaking on a small meadow in the middle of a forest.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Hyllest elderflower farm

15 July 2018
Thumbnail image for Hyllest elderflower farm

A small farm where elderflower juice is being produced.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Taraldrud farm

15 June 2018
Thumbnail image for Taraldrud farm

A small farm where geese are bred.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Course on culinary herbs

24 May 2018
Thumbnail image for Course on culinary herbs

A short course on edible herbs.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Skarrbo farm

15 March 2018
Thumbnail image for Skarrbo farm

A small farm with a few cows where cheese and yougurt are made.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Sausage-making course at Vippa

1 March 2018
Thumbnail image for Sausage-making course at Vippa

A sausage-making course for an evening.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Bakery course at Aschim Vestre farm

3 February 2018
Thumbnail image for Bakery course at Aschim Vestre farm

A small farm growing many types of old grains and turning them into flour.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Fermentation course

13 January 2018
Thumbnail image for Fermentation course

A short course on how to make fermented vegs.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →