Tenuta di Marsiliana farm

by admin on 28/09/2018

Slideshow Mapreference Website Facebook

This farm extends from the hill on which a castle with the same name dominates the entire valley surrounded by the elevation where the historic house of the Corsini family is located and the natural park of Maremma. It’s fair to say that this hill has served as a place for controlling the surrounding countryside and, in particular, the river Albegna where people had to cross a ford in order to pass this area.

Anyway, the Etruscans controlled this area and they may have founded a town called Caletra, which is now called Marsilia. After the Romans had defeated the Etruscans, it was called Agro Caletrano. During the early Middle ages, a monastery was built on the hill. There, pilgrims could rest on their way to Rome, the Eternal City.

A castle was built on the top of the hill in the 12th century being controlled by various powers until it was used as a military fortification during the Spanish domination from 1559 to 1713. Next, the Corsini family arrived at Marsiliana in 1760 and they constructed a fortified farm below the castle in the early 1800s. A contract from 1868 between the bank Monte dei Paschi and the Corsini family states that the property of all the surrounding terrain is transferred to the Corsini family. The local farmers worked as sharecroppers for the Corsini family until 1950 when there was a Land Reform act. Then, a large part of the land was expropriated by the state in order to give 8 to 20 hectares and a house to each farmer family.

A large part of the land covered by marshes was reclaimed by means of drainage, canals and pumps. In this way, malaria, which had been a major cause of death among the sharecroppers, disappeared completely. Thus, the Land Reform act turned the sharecroppers into farmers with their own houses and their own land. Before, they had always worked as sharecroppers, getting back only a small part of what they had cultivated. Instead, the Tenuta di Marsiliana farm have turned to raising wild boar for hunting, cultivating grapevines and renting out houses, which have been converted into apartments, to tourists.

The area of the vineyards amounts to 26 hectares. The grapevines, consisting of Petit Verdot and Cabernet Sauvignon, were planted between 1988 and 2006 and all of them are productive. The best grapes are collected manually, while the rest is collected by means of machines.

The man responsible for wine production kindly showed us the vineyards, at the same time as he explained various aspects of viticulture in a very clear way. For instance, the orientation of a vineyard should always be located east-west and never north-south in order to let the grapes receive as much sunlight as possible.

Regarding cultivating the grapevines, it is done according to a French method where the canes of the grapevines are forced to grow 50 cm above the ground.

However, this method is adapted to the climatic characteristics of French vineyards where strong winds exert strong forces on the grapevines. By keeping the grapes closer to the ground, the force of the wind will be lower. Instead, he would prefer to let the branches grow higher above the soil in order to limit various types of funghi to reach the leaves and the grapes. This area is surrounded by hills, which limit the speed of the winds reaching the vineyards. Besides, by growing the branches higher above the soil, it would be easier for workers to harvest the grapes.

He also told us about pruning whose objective is to let the grapevines produce more grapes with a high quality. This is done by creating a strong root system and trunk and remembering that grapes produce the most fruit on shoots growing off one-year-old canes.

Pruning is done in winter, which is called dry pruning and the second one is done in spring or early summer. This pruning is called green pruning.

In addition to pruning, leaf removal also has to be done and this consists of removing leaves around the grape clusters. The main purposes are the following:

  • Improve air circulation.
    Increase fungicide/insecticide spray penetration.
    Expose the fruit to more sunlight.
    Improve flavor compounds, color, and bud fertility.

Some leaves have to remain on the shoot in order to produce carbohydrates to support vine growth, fruit development and ripening, develop overwintering reserves and to allow vine shoot and bud winter hardiness. As this document shows, growing grapevines requires a lot of knowledge and experience.

Since roe deer and wild boar live in the forests surrounding the vineyards, all of them are fenced off.

On the way back to the wine production, we passed a vineyard which had been harvested by means of a machine. As my guide told me, several branches had wizened leaves because the machine isn’t able to be as careful as the workers.

The wine production takes place in a huge building having an area of 1760 m2. It was constructed in 1900 by the Corsini family who used it as a storeroom for grain until the Land Reform act was enacted in the 1950s. Inside, there were arcs made by bricks, while the floor was covered by stone tiles, all of it done manually. Nowadays an agricultural cooperative rents 250 m2 for producing wines.

Like always, this wine producer lets wine mature in large tanks, but the must and grape skins from one vineyard is kept strictly away from the must and grape skins from other vineyards.

Having added yeast to the must, the fermentation starts, turning sugars into alcohol. The fermentation creates carbon dioxide which rises to the top of the must, lifting the pomace to the surface at the same time. Since this process produces heat and the yeast can’t survive above 33-34°C, the temperature has to be limited. This is done by letting cold water flow in tubes located inside the container such that the cooling is done indirectly. In fact, a control loop maintains the temperature at 25°C because it’s best for the yeast.

Some days later, a filter is placed above a container and below the valve at the base of the tank containing the must. One end of a hose is connected to a container, while the other end is connected to a pump. The top of the tank is also opened through which a hose is fed, while the other end is connected to the pump. Next, a worker opens the valve and starts the pump. Wine will flow out of the tank, passing the filter, which will stop the pomace. Instead, the must will pass unhindered and be pumped up to the top of the tank. This process provides oxygen to the must, which aids the fermentation. In addition, the must is forced to pass the pomace, which gives various good characteristics like taste and colour to the must.

When the process of fermentation stops because all the sugars have been turned into alcohol, racking is done. That is, the wine is separated from the pomace by means of gravity and transferred to another tank. Instead, the pomace is crushed once more. The resulting wine may be mixed with the original wine in order to make a blend or it may used as table wine. In any case, an oenologist decides what’s to be done in each case.

The pomace will have to be transferred to a distillery for making grappa in order to avoid fraud using the pomace to produce wine by means of chemicals, according to Italian law.

This farm has a wide selection of wines as described here: The majority of the wines are DOC  or IGT.

Last but not least, there is an interesting ethnographic museum inside the castle: documents and various equipment used by people across the ages tell visitors about life and work in this place.

Print Friendly, PDF & Email

Azienda agricola Tenuta di Marsiliana

by admin on 28/09/2018

Slideshow Mapreference Website Facebook

La Tenuta di Marsiliana si estende al di sotto del colle sul quale si erge l’omonimo Castello che domina l’intera vallata racchiusa tra il rilievo su cui da secoli vigila lo storico edificio appartenente attualmente alla famiglia Corsini, il Parco Naturale della Maremma e le colline di Sant’Angelo. Si può dire che, da sempre, questa collina ha svolto una funzione di postazione di controllo del territorio sottostante e soprattutto del fiume Albegna che doveva rappresentare, in questo punto, un guado obbligato per chi transitava da una sponda all’altra del corso d’acqua. Poiché nei terreni intorno sono state trovate diverse tombe, sembrerebbe proprio questo il luogo dove gli Etruschi avrebbero fondato Caletra, una importantissima città –emporio dove si realizzava lo scambio delle merci provenienti da tutti i porti etruschi lungo la costa e che i romani, all’atto della conquista chiamarono Agro Caletrano, in onore forse al nome della città conquistata. Poi durante i primi secoli del Medioevo, sorgeva un monastero che rappresentava una delle tappe obbligate per i pellegrini che volendo raggiungere Roma, avessero voluto rifocillarsi e riposare prima di proseguire il loro cammino verso la “Città Eterna”.

La Fattoria di Marsiliana, situata ancora oggi sulla sommità della collina che sovrasta il borgo, sorse come castello nel corso del XII secolo. Fu sotto la dominazione, prima dei conti Aldobrandeschi, poi della città di Siena e, a partire dal 1557, dopo la disfatta ed il ritiro dei Senesi, in virtù del trattato stipulato tra Filippo II re di Spagna e Cosimo I dei Medici, il castello entra nell’orbita politica del Ducato di Toscana, e infine, Durante la dominazione spagnola, dal 1559 al 1713 il castello rappresentava un fondamentale punto di avvistamento e di difesa dell’accesso al territorio dello Stato dei Reali Presidi Spagnoli, il cui Governatorato trovava sede a Orbetello .

La storia dei luoghi parla, tra gli altri eventi che interessano il castello, della celebrazione, nel 1550 di un matrimonio tra rampolli, discendenti, da una parte, del re spagnolo Filippo II e dall’altro, della famiglia dei Medici che governava, in quei secoli, il Granducato in Toscana.

Per i successivi 200 anni non si ha nessuna precisa notizia di avvenimenti verificatisi in questi luoghi, i quali passano ai principi Corsini di Firenze nel XVIII secolo. Questi la trasformeranno in fattoria fortificata a partire dal XIX secolo.

E’ del 1868, invece, il documento contenente l’accordo sottoscritto tra la banca Monte dei Paschi di Siena e la famiglia Corsini che gestiva la tenuta, ormai da 3 generazioni. In base a tale accordo la proprietà di tutte le terre pertinenti al castello passava interamente alla famiglia Corsini.

Il latifondo dei Principi Corsini, durante gli anni 50 viene ridotto considerevolmente attraverso l’espropriazione di grandi estensioni coltivabili da parte dello Stato che doveva avviare il piano di Riforma Agraria che prevedeva, appunto, l’esproprio, il riassetto agrario da realizzare per mezzo di divisione delle terre in lotti di 8-20 ettari; la costruzione delle case e l’assegnazione conseguente ai contadini che già lavoravano queste terre in qualità di mezzadri e di braccianti giornalieri.

Con la riforma agraria tutte le terre prima invase dalla palude o abbandonate dai proprietari che non erano più in grado di gestire un latifondo, venivano dotate delle infrastrutture necessarie per realizzare la bonifica come, canali di drenaggio, pompe e sistemi di irrigazione, mentre i dislivelli delle terre venivano eliminati per “colmata”.

Così tutta la Maremma vede realizzarsi un nuovo assetto fondiario, con la conseguente assegnazione dei lotti con le case coloniche ai contadini che fino ad allora, per secoli, avevano sempre coltivato quelle terre senza mai poter riscattare la proprietà dei fondi da essi stessi coltivati. Con la riforma Agraria, ogni contadino diventa proprietario del lotto assegnatoli e della casa nella quale può vivere con la propria famiglia.

Adesso l’azienda alleva i cinghiali per consentire l’esercizio della caccia agli appassionati e coltiva la vite, mentre la maggior parte delle strutture abitative sono state trasformate in case e appartamenti da affittare ai turisti.

L’estensione dei terreni destinati alle piantagioni dei vitigni è di 26 ettari. Le vigne sono state piantate tra il 1988 ed il 2006 e sono tutte attualmente produttive. Sono presenti i vitigni Petit Verdot e Cabernet Sauvignon. I migliori acini vengono raccolti manualmente, mentre gli altri vengono raccolti con le macchine.

Con il responsabile della produzione, che ci ha gentilmente guidati attraverso le varie colture, abbiamo potuto osservare i vari tipi di vitigni e abbiamo potuto comprendere alcuni aspetti della viticoltura. Attraverso la sua straordinariamente chiara e competente spiegazione abbiamo potuto conoscere degli aspetti della viticoltura che prima ignoravamo. Per esempio quello sull’importanza dell’orientamento est-ovest, anziché nord-sud, delle vigne, al fine di prolungare l’esposizione delle piante alle ore di luce e al calore solare.

Si coltiva al modo francese che significa che il fusto delle vite si trova 50 cm sopra la terra, ma ci diceva che anche se va bene in Francia con tanti venti forti, non va bene qua. è meglio mettere i fusti e, quindi i grappoli, più alto perché è più facile raccogliere loro e le malattie delle vite vengono da sotto. Oltre, i vitigni sono circondati delle colline che impediscono i venti forti.

Ci ha anche in modo particolareggiato, esposto le regole per effettuare una potatura equilibrata ed efficace. Effettuare una corretta ed adeguata potatura della vite ha molteplici scopi. Ovviamente il primissimo obiettivo di ogni potatura e quindi in questo caso anche per quella della vite è quello di migliorare la produzione, tenendo presente i due aspetti fondamentali, quelli della qualità e qualità del prodotto. Effettuare la potatura della vite in modo corretto, dona alla pianta stessa una forma ben precisa, in grado di supportare meglio il carico della produzione e di riuscire a resistere ad eventuali problematiche.

Si svolgono due tipi di potatura in quest’azienda: secca e verde.

La prima si effettua durante l’inverno e la seconda in primavera o nell’inizio dell’estate.

Inoltre, si effettua un’altra operazione di adattamento della foggia funzionale al massimo benessere della pianta: “la sfogliatura!

La sfogliatura della vite è una pratica culturale diffusa da molto tempo, soprattutto nelle aree viticole più settentrionali. Essa consiste nell’eliminazione di foglie e/o femminelle dalla zona fruttifera e ha due obiettivi principali; il primo è quello di coadiuvare l’azione dei trattamenti anticrittogamici nel mantenimento della salute delle uve, il secondo è quello di aumentare l’esposizione dei grappoli alla luce per consentire un maggior accumulo dei composti dell’acino la cui sintesi sia stimolata. Poiché l’intervento è localizzato sulla fascia fruttifera una conseguenza estremamente importante della sfogliatura, a cui non sempre viene data la considerazione che merita, è la modificazione del micro-clima di questa zona della pianta.

Siccome nella parte boscata delle colline al di sopra dei vigneti vive una cospicua fauna selvatica come caprioli e cinghiali, tutti la zona è recintata.

Dopo aver visitato le piantagioni siamo stati introdotti alla cantina che attualmente si trova in un ampio edificio del 1900 che era stato costruito dalla famiglia Corsini per lo stoccaggio del grano.

Negli anni della riforma agraria questo edificio ha svolto la stessa funzione, ma la famiglia essendo legata storicamente e affettivamente a questi ambienti che hanno una estensione di 1.760 mq, ha deciso di prenderne in affitto una parte della superficie di 250 mq per destinarli alla propria cantina.

Come sempre accade, anche in questa cantina il vino viene portato a maturazione all’interno delle botti, ma il mosto e le vinacce degli acini provenienti da un vigneto sono tenuti rigorosamente separati dagli altri acini, avendo cura di mescolarli mai insieme..

Quando si aggiungono i lieviti al mosto, incomincia il processo di fermentazione con la trasformazione degli zuccheri in alcool.

La fermentazione produce l’anidride carbonica che sale verso la superficie, sollevando allo stesso tempo le vinacce che vanno a formare il cosiddetto cappello alla superficie del liquido. Inoltre, siccome produce un aumento della temperatura ed i lieviti non possono sopravvivere se questa supera 33-34°C, si interviene al momento opportuno attraverso il raffreddamento delle botti. Quest’attività viene fatta con l’acqua fredda che circola nei tubi disposti intorno ad un contenitore interno alle stesse botti e quindi, indirettamente, si effettua questo processo di raffreddamento avendo cura di mantenere la temperatura intorno ai 25°C che è l’ideale per i lieviti.

Qualche giorno dopo si effettua il rimontaggio attraverso il quale il mosto viene aspirato attraverso una pompa che dal basso aspira il vino verso la sommità della botte, viene filtrato dalle vinacce e poi rientrando in circolo all’interno della botte si crea l’ossigeno che favorisce il processo di fermentazione. Contemporaneamente il permanere delle vinacce all’interno della botte consente il rilascio delle sostanze in esse contenute nel mosto, il quale acquista così la colorazione ed assume tutte le caratteristiche che lo faranno diventare quel particolare tipo di vino.

Quando il processo di fermentazione si ferma perché tutti gli zuccheri sono stati trasformati in alcool, si fa la svinatura cioè, si separa il vino che si chiama “vino nuovo”, dalle vinacce, le quali, vengono sottoposte a torchiatura e il risultante vino che viene chiamato “vino di pressa” può essere mescolato con il vino nuovo per creare un blend. Comunque, ogni enologo decide l’uso del vino di pressa caso per caso.

Quest’azienda ha una ampia selezione di vini come è mostrato qua. Si tratta nella maggioranza dei casi di vini DOC e IGT.

All’interno del castello sono custoditi attrezzi da lavoro, documenti, finimenti di cavalli e varie attrezzature che raccontano tutta la storia del lavoro e della vita svoltasi in questi luoghi in questi ultimi secoli: un interessantissimo museo etnografico!

Print Friendly, PDF & Email

Frank & Serafico farm

27 September 2018
Thumbnail image for Frank & Serafico farm

A small farm where excellent beers and wines are made.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola Frank & Serafìco

27 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola Frank & Serafìco

Un’azienda che produce la birra e il vino.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Le Tofane farm, famhouse dairy and guesthouse

26 September 2018
Thumbnail image for Le Tofane farm, famhouse dairy and guesthouse

A small farm where sheep are raised and sheep cheese is made.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda AgroBiologica e Caseificio Le Tofane

26 September 2018
Thumbnail image for Azienda AgroBiologica e Caseificio Le Tofane

Un’azienda con un gregge di pecore da cui si ottiene il latte che viene trasformato nel formaggio.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Pulledraia del Montegrappa farm and guesthouse

26 September 2018
Thumbnail image for Pulledraia del Montegrappa farm and guesthouse

A farm where visitors can watch groups of domestic animals.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola Pulledraia del Podere Montegrappa

26 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola Pulledraia del Podere Montegrappa

Un agriturismo con animali e la coltivazione biologica.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Seafood auction in Porto Ercole

24 September 2018
Thumbnail image for Seafood auction in Porto Ercole

An auction of fish, crayfish, squid and seafood in general.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Asta del pesce a Porto Ercole

24 September 2018
Thumbnail image for Asta del pesce a Porto Ercole

Un asta del pesce fresco.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Nardi farm and butcher’s shop

24 September 2018
Thumbnail image for Nardi farm and butcher’s shop

A combined farm for raising cattle and a butcher’s shop.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola e macellerie Nardi

24 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola e macellerie Nardi

Una macelleria con l’allevamento delle vacche maremmane.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Farms above Porto Ercole

24 September 2018
Thumbnail image for Farms above Porto Ercole

Agriculture is still practised a little in the hills above Porto Ercole.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Aziende agricole di Porto Ercole

24 September 2018
Thumbnail image for Aziende agricole di Porto Ercole

Coltivazione delle vite, le olive, le verdure e le frutte.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Borgo Ciro farm

24 September 2018
Thumbnail image for Borgo Ciro farm

A small farm where grapevines and olive trees are cultivated.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola “Borgo Ciro”

24 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola “Borgo Ciro”

Una piccola azienda che produce vini rossi ad ottima qualità.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Il Cerchio farm

21 September 2018
Thumbnail image for Il Cerchio farm

A small farm producing wine, vinear and olive oil.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

“Il Cerchio” azienda agricola biologica Capalbio

21 September 2018
Thumbnail image for “Il Cerchio” azienda agricola biologica Capalbio

Una piccola azienda che produce i vini rossi e l’olio d’oliva.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Farina sheep farm

20 September 2018
Thumbnail image for Farina sheep farm

A small farm with 3000 sheep whose milk is used to make cheese.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →

Azienda agricola e zootecnica Farina

20 September 2018
Thumbnail image for Azienda agricola e zootecnica Farina

Un’azienda che alleva le pecore e fa il pecorino.

Print Friendly, PDF & Email
Read the full article →